Crescono gli scambi commerciali Foggia-Cina, la via della Seta vale 39 milioni di euro: +23% nel 2018

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Crescono gli scambi commerciali tra la provincia di Foggia e la Cina. Secondo l’ultima indagine della Camera di Commercio di Milano-Monza-Brianza-Lodi, nel 2018 è stato registrato un volume d’affari di 39 milioni di euro, in crescita del 22,7 per cento rispetto all’anno precedente. Le importazioni continuano a crescere a ritmo sostenuto (+42,4 per cento, pari a 33 milioni di euro), mentre l’export cala del 26 per cento, passando da 9 a 7 milioni di euro nel 2018. Si importano prevalentemente macchinari, nelle esportazioni, invece, prevalgono i prodotti alimentari (+7,6%). Da segnalare l’incremento nell’acquisto di prodotti elettronici ed ottici (+3,3 per cento).

“Anno dopo anno la Cina si conferma un mercato sempre più prioritario per l’export italiano ed esistono lepotenzialità per un’ulteriore crescita – dichiara Giovanni Da Pozzo, Presidente di Promos Italia –. È necessario dare impulso a questo trend sia attraverso azioni mirate di sistema a supporto delle imprese sia inserendo alcune questioni chiave nell’agenda politica e a questo proposito saranno centrali questi giorni di visita in Italia del presidente cinese Xi Jinping. La firma del memorandum di intesa per sostenere la Belt and Road Initiative – conclude Da Pozzo – rappresenterebbe un segnale molto importante a livello internazionale per il sistema Italia”.

Mia Immagine

L’Italia in Cina: si stima che le imprese cinesi a partecipazione italiana siano oltre 1700, con circa 150 milaaddetti e un giro d’affari di 22 miliardi di euro. A queste vanno sommate le 450 imprese a capitale italianopresenti a Hong Kong, che contano circa 8 mila addetti per un giro d’affari di oltre 2,3 miliardi di euro. Nelcomplesso, il numero di imprese italiane direttamente presenti in Cina o a Hong Kong – con uffici di rappresentanza, joint venture o WFOE – supera dunque di gran lunga le 2 mila unità, dato più che raddoppiato negli ultimi quindici anni. (fonte: Fondazione Italia Cina).

La Cina in Italia. Alla fine 2017 risultavano direttamente presenti in Italia, attraverso almeno un’impresa,partecipata 300 gruppi cinesi, di cui 216 cinesi e 84 con sede principale a Hong Kong. Con riferimento alla distribuzione territoriale delle imprese partecipate concentrate per i quattro quinti del totale nelle regioni settentrionali. Spicca la Lombardia, che ospita 214 imprese a capitale cinese, pari al 41,6% del totale; seguono Lazio con 71 imprese, Emilia-Romagna con 46, Piemonte con 40 e Veneto con 36. La Lombardia guida anche la graduatoria relativa al numero di dipendenti (8.357, pari al 32,1% del totale), seguita da Emilia-Romagna (3.846), Piemonte (3.801), Veneto (3.094) e Liguria (2.932); queste cinque regioni pesanoda sole per quasi l’85% del totale. (fonte: Fondazione Italia Cina).

Indagine sulle imprese orientate ai mercati esteri. Le imprese italiane attive sui mercati esteri come vivono la questione relativa alla possibile firma del MOU sulla Belt and Road Initiative tra il Premier italiano Conte e quello cinese Xi Jinping? Le conseguenze, secondo la maggioranza delle circa 200 impreseche operano con l’estero sentite da Promos Italia, non saranno rilevanti per il 42% e lo saranno per il 37%. Per il 32% di loro non ci saranno maggiori opportunità di business, mentre il 28% ritiene che avrà un moderato impatto positivo, meno del 10% del loro export e il 15% vede un risultato positivo per il loroexport d’impresa, con un impatto su oltre il 10% dei loro affari all’estero. La maggior parte delle imprese sentite da Promos Italia, il 57%, ritiene che l’accordo sulla Via della Seta porterà vantaggi nelle relazioni con la Cina e più in generale con l’area asiatica. Per il 50% non ci sarà impatto invece sul business con gli Stati Uniti, per il 34% il rafforzamento delle relazioni commerciali con Pechino potrebbe invece avere un impatto sul business nel mercato americano.

L’articolo Crescono gli scambi commerciali Foggia-Cina, la via della Seta vale 39 milioni di euro: +23% nel 2018 proviene da l'Immediato.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Daily Limit Exceeded. The quota will be reset at midnight Pacific Time (PT). You may monitor your quota usage and adjust limits in the API Console: https://console.developers.google.com/apis/api/youtube.googleapis.com/quotas?project=144195554597